Inchinarsi al potere mafioso rende schiavi e uccide la speranza

pubblicato in: Senza categoria, Vescovo | 0
Scrive il vescovo della diocesi di Locri Gerace ai fedeli delle parrocchie di San Sebastiano martire e Santa Maria della Pietà dopo i recenti fatti seguiti all’arresto del boss Sebastiano Giorgi. Verrà istituita una Giornata di penitenza e di digiuno con momenti di riflessione e preghiera mercoledì 21 giugno prossimo quando invece era prevista amministrazione delle Cresime agli adulti che non si terrà

STEMMA

Locri, 06.06.2017

 

Ai fedeli delle Parrocchie

San Sebastiano martire e Santa Maria della Pietà

SAN LUCA (RC)

Al Rev.mo Parroco,

Scrivo a Voi, fedeli di San Luca, con animo preoccupato in questo particolare momento della vostra vita sociale e politica. Lo faccio con la mia responsabilità di pastore, consegnandovi qualche spunto di riflessione, dopo i fatti accaduti negli ultimi giorni. Mi riferisco anzitutto alle belle manifestazioni che hanno mostrato all’attenzione generale il volto positivo di questa comunità espresso in quello di tanti ragazzi e giovani, che si vedevano assegnata una struttura sportiva al termine del mandato amministrativo del Commissario prefettizio dottor Salvatore Gullì. Era il volto più bello di una comunità che aveva saputo rispondere alla sua azione amministrativa. Un’azione che aveva dato speranza e futuro alla comunità e soprattutto dimostrato che San Luca è una cittadina che è possibile amministrare e i suoi cittadini sono disponibili a rispettare le regole della convivenza civile. Il messaggio positivo che emergeva portava a pensare al futuro con più fiducia e speranza.

I fatti successivi c’inducono a una riflessione. Mi riferisco alla non presentazione di alcuna lista elettorale e all’arresto in questi ultimi giorni di un noto pregiudicato, dopo anni di latitanza, avvenuto grazie ad un’importante e delicata azione investigativa dei Carabinieri. Quanto alle modalità dell’arresto, oltre alla delicatezza dell’operazione condotta con maestria, ha fatto molto discutere il saluto “riverente” con baciamano riservato al latitante arrestato.

Su questi accaduti desidero richiamare l’attenzione.

La prima considerazione. Anche se l’azione politica e amministrativa del Commissario prefettizio è stata molto apprezzata ed ha sortito risultati positivi, è comunque necessario che Voi comunità locale riprendiate in mano le vostre sorti politiche e amministrative secondo le regole democratiche. Non dobbiamo dimenticare che “lo Stato siamo noi” e che ogni buona amministrazione dipende dalla coscienza civile di ognuno di Voi. Vi affido questa mia riflessione sperando che trovi la giusta attenzione da parte di ogni credente e di tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Ne segue una seconda considerazione, che consegno in primo luogo alla comunità credente. La vera fede non tollera alcuna forma di connivenza con il male. Non è possibile essere cristiani appartenendo ad associazioni di stampo ‘ndranghetista. Ed è mafiosa ogni forma di illegalità, di collusione, di arroganza e prepotenza, di corruzione, ogni traffico illecito, spaccio di droga, usura e sfruttamento dell’ambiente. Anche i silenzi omertosi uccidono il futuro della comunità e la speranza dei giovani. E’ assurdo pensare ad un futuro attraverso il malaffare, i traffici illeciti ed ogni altra forma di illegalità. Il lavoro vero, quello che libera e che dà dignità, che purtroppo manca nella nostra terra, non ha nulla a che vedere con il malaffare. A Voi tutti chiedo un sussulto di umanità ed una conversione sincera alla vera fede. Il credente “s’inchina” solo a Dio. Ricordo il primo comandamento: “Io sono il Signore, tuo Dio, non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai” (Es 20,2-5). Sta scritto: “Adora il Signore Dio tuo e a lui solo rendi culto” (Mt 4,10). Ciò esclude ogni forma di idolatria, come l’idolatria del denaro e del potere mafioso. Se crediamo in Dio, ne affermiamo anche la signoria su di noi e sul mondo intero. Ne consegue l’obbligo di accogliere le Sue parole e di aderire ai Suoi comandamenti. Se egli è nostro Dio, non possiamo farci altri dei; dobbiamo riconoscere solo la Sua onnipotenza e la Sua bontà, riponendo solo in Lui la nostra fiducia e speranza. Questa è la via che il vero credente è chiamato a seguire. Questa è la verità che rende liberi. Inchinarsi al potere umano, e ancor più al potere mafioso, rende schiavi ed uccide la speranza. Torniamo al Signore con una fede autentica che non scende a compromessi col male.

Pertanto, chiedo a Voi tutti, Comunità cristiana di San Luca, di dedicare una Giornata di penitenza e di digiuno con momenti di riflessione e preghiera mercoledì 21 giugno prossimo. In tale giornata sarà sospesa la prevista amministrazione delle Cresime agli adulti.

Ve lo chiedo, sapendo che non tutti siete colpevoli di certi gesti e che i figli non possono pagare le colpe dei genitori. Insieme però siamo chiamati a farci carico delle debolezze e delle fragilità dei nostri fratelli. Le loro ferite arrecano danno a tutti. A Voi, come comunità credente, chiedo, altresì, di espiare il peccato di quei fedeli che sono sulla via del male. Insieme pregate il Signore, perché vi liberi da ogni forma di “soggezione psicologica” verso chi vi vuole tenere sottomessi al suo potere. Anche la Madre di Dio vi vuole figli liberi e coraggiosi. Non permettete ad alcuno che vi rubi e si appropri della vostra devozione alla Madonna della Montagna di Polsi alla quale siete tanto legati: essa è inconciliabile con la ‘ndrangheta, con il malaffare e lo spargimento di sangue.

Il Signore benedica tutti voi, illumini la vostra mente ed il vostro cuore e vi faccia comprendere e seguire la via operosa della fede, della carità e del perdono.

f