La nostra proposta di legge regionale per la prevenzione e la riduzione dello spreco alimentare

Sulla scia del panorama legislativo sia nazionale che europeo (come diceva Antonio) abbiamo raccolto gli input e le sollecitazioni che sono pervenuti da voi,  per presentare una proposta di legge regionale per la prevenzione e la riduzione dello spreco alimentare. Un atto di intervento che mira a contrastare la povertà, il disagio e l’esclusione sociale.

La proposta di legge su cui abbiamo lavorato è costituita da 9 articoli.

Vi è una parte iniziale in cui vi sono indicate le finalità che la proposta di legge intende perseguire ovvero che La Regione Calabria al fine di tutelare le fasce più deboli della popolazione, intende promuovere attività di recupero e la donazione dei prodotti alimentari e, contestualmente intraprendere iniziative per ridurre lo scarto alimentare per limitare gli impatti negativi sull’ambiente e sulle risorse naturali. Tali interventi mirano a sensibilizzare le comunità locali ed il sistema economico regionale per un pieno recepimento della legge 166 del 16.08.2016.

La Parte centrale che costituisce il nucleo fondamentale, si riferisce alle modalità con cui gli operatori del settore alimentare, pubblici e privati, possono cedere gratuitamente le eccedenze dei generi alimentari non idonei alla commercializzazione ma commestibili, o dei pasti non serviti dagli esercizi di ristorazione autorizzati o invendute dalla grande distribuzione, garantendo la sicurezza igienico-sanitaria degli  alimenti, come anche viene garantita  la cessione gratuita dei prodotti agricoli in campo, che rappresenta un preoccupante onere per gli agricoltori calabresi.

Con il recupero delle eccedenze alimentari e agroalimentari e, la loro successiva destinazione alle fasce fragili della società, attraverso l’attività di raccolta operata da onlus, cooperative, organizzazioni ed associazioni caritative e di beneficienza, si intende promuovere un forte intervento sociale che non può più essere procrastinato.

Ispirandosi ai valori della responsabilità, condivisione e solidarietà, la proposta di legge si propone di favorire il recupero, lo stoccaggio e la ridistribuzione delle eccedenze alimentari a favore delle classi meno abbienti, di promuovere anche attraverso la stipula di accordi, protocolli di intesa, campagne divulgative  per incoraggiare e facilitare comportamenti virtuosi come il family bag e il doggy bag oltre che incoraggiare comportamenti similari in occasione di eventi o cerimonie ( battesimi, matrimoni ecc….) . Promuovere campagne informative per lo sviluppo di progetti di educazione e sensibilizzazione, per la formazione di una sana e corretta cultura della nutrizione,  in sinergia con il sistema scolastico, con le asp e i comuni.

La Parte Finale della proposta di legge prevede che la giunta Regionale adotti un apposito regolamento per  predisporre i benefici e gli incentivi per  tutti i soggetti che si prodigheranno  per l’attuazione di questi comportamenti virtuosi in conformità con la disciplina europea e nazionale in materia. Una volta entrata in vigore si fa obbligo a tutti si osservarla.

Ed ora permettetemi di dire il mio personale GRAZIE, un grazie di cuore di questa esperienza non solo ai miei compagni di viaggio, ma a voi tutti che avete contribuito ciascuno a suo modo – a realizzare quello che io ho definito il MOSAICO DELLA BELLEZZA.

Bellezza delle relazioni, ma anche delle tante strette di mani,

Bellezza di un sorriso o di un abbraccio,

Bellezza del confronto e dell’accoglienza, Bellezza della curiosità di apprendere nuove conoscenze , bellezza del silenzio , della condivisione sia essa positiva che negativa ma comunque costruttiva che ci ha permesso di crescere e di arricchirci in questo percorso,

ed infine la bellezza delle idee e della possibilità di realizzarle, il tutto legato da un unico fine, l’amore per la propria terra. GRAZIE.

Avvocato Francesca Romeo (Direttivo)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *